La sindrome da alimentazione incontrollata

La BED, binge eating desorder in inglese, è tradotta in italiano con il termine sindrome da alimentazione incontrollata. È un disturbo caratterizzato dalla presenza di episodi ricorrenti di abbuffate. La BED affligge circa il 20-30% dei soggetti in forte sovrappeso o obesi.


L’esatta prevalenza di questo disturbo nella popolazione generale non è del tutto nota, ma il trend è in crescita.
L’abbuffata è definita da due precise caratteristiche:

  1. mangiare in un periodo di tempo circoscritto una quantità di cibo indiscutibilmente maggiore di quella che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso periodo di tempo;
  2. sensazione di perdere il controllo sull’atto di mangiare (ad esempio sentire di non potere smettere di mangiare o di non potere controllare cosa o quanto si mangia).Le abbuffate si verificano in una situazione generale di incapacità di regolare l’alimentazione sia ai pasti che al di fuori ed una tendenza a mangiare in eccesso ed in maniera caotica.

I soggetti con BED sono spesso in sovrappeso od obesi, a differenza della bulimia, in cui il peso corporeo è normale, leggermente più basso o leggermente più alto. Inoltre, nella BED, solo occasionalmente possono essere riscontrati comportamenti di compenso come il vomito auto-indotto, l’uso di lassativi e/o diuretici, l’esercizio fisico eccessivo e compulsivo. A differenza della bulimia nervosa, in cui i suddetti comportamenti vengono utilizzati sistematicamente per controbilanciare le conseguenze delle abbuffate.

In definitiva la BED può essere concettualizzata come una sindrome da discontrollo generale nei confronti dell’alimentazione in individui predisposti al sovrappeso e/o all’obesità. Come per gli altri disturbi alimentari, la BED origina a partire da una eccessiva preoccupazione rispetto al proprio peso e alle forme del corpo, che spinge ad intraprendere diete, spesso incongrue e restrittive. Nella BED, le fasi di restrizione alimentare sono alternate a fasi di eccessi alimentari e perdita di controllo, che determinano l’aumento di peso. Le fasi di dieta potrebbero rappresentare il tentativo di recuperare il controllo sull’alimentazione e sul peso, controllo completamente perduto durante i periodi caratterizzati da iperalimentazione e presenza di abbuffate. Il conseguente caos alimentare che si instaura, cronicizza e mantiene il disturbo.

Le caratteristiche della BED sono:

A. Episodi ricorrenti di alimentazione incontrollata (abbuffata)
B. Gli episodi di alimentazione incontrollata sono associati a tre (o più) dei seguenti sintomi:

  1. mangiare molto più rapidamente del normale
  2. mangiare fino a sentirsi spiacevolmente pieni
  3. mangiare grandi quantitativi di cibo anche se non ci si sente affamati
  4. mangiare da soli a causa dell’imbarazzo per quanto si sta mangiando
  5. sentirsi disgustato verso sé stesso, depresso, o molto in colpa dopo le abbuffate
  6. marcato disagio rispetto al proprio stile alimentare, vergogna per il proprio corpo e per il peso,sentimenti di colpa e di inadeguatezza
  7. Il comportamento alimentare incontrollato si manifesta almeno per 2 giorni alla settimana in un periodo di 6 mesi

Per informazioni consulta il sito dell’AIDAP (Associazione Italiana Disturbi dell’Alimentazione e del Peso)

FacebookEmailCondividi