Controllare l’alimentazione in tutte le situazioni

Controllare l’alimentazione in situazioni non routinarie, come a cena con amici, in vacanza, durante le festività, nel weekend, durante un viaggio, può essere molto complicato. Spesso queste situazioni di vita aumentano il rischio di perdere il controllo a tavola e possono generare una forma mentis di “disinibizione”, difficile da riconoscere e gestire . È utile imparare a conoscere e riconoscere questi meccanismi, nonchè a mettere in atto strategie finalizzate a trasformare i comportamenti automatici e fuori dal controllo in scelte consapevoli.

AL RISTORANTE

  • Riuscire a controllare l’alimentazione al ristorante non è facile.
    Scegliete, se possibile, ristoranti con una cucina varia e di buona qualità.
  • Pianificate in anticipo la scelta delle pietanze. Una regola può aiutare: è possibile ordinare non più di due  portate, accompagnate da una porzione di insalata o verdure e una porzione di frutta o macedonia. Per esempio un antipasto e un secondo, oppure un antipasto e un primo oppure un primo e un secondo. Scegliete in base ai vostri gusti o in base alle specialità proposte dal ristorante. Ma ricordate, non più di due portate! Qualche volta le regole possono essere utili!
  • Evitate il pane o limitatevi ad una sola fetta. Tenete il cestino del pane lontano da voi.
  • Riempite i tempi di attesa facendovi servire un’insalata.
  • Nel caso in cui non riusciate a rinunciare al dolce, questo deve rientrare nella regola delle due pietanze (per esempio potreste scegliere un secondo accompagnato da verdura e un dolce)
  • Limitate il vino ad un solo bicchiere, sorseggiandolo lentamente.
  • Cercate di non arrivare al ristorante troppo affamati. La fame può essere una cattiva consigliera per la vostra alimentazione! Fate uno spuntino prima di uscire di casa a base di alimenti poco calorici ma sazianti (frutta, finocchi, carote)

    AL BUFFET
  • In caso di pasti a buffet, seguite la filosofia delle piccole porzioni: un assaggio di tutti i cibi preferiti, riempiendo il piatto una sola volta. A questo potreste sempre aggiungere una porzione di verdura ed una di frutta.

IN PIZZERIA

  • Se andate in pizzeria, limitatevi ad ordinare una pizza ed una bibita. Evitate fritture, dolci ed antipasti.

DURANTE LE VACANZE

  • Pianificate vacanze dinamiche e stimolanti, fate più movimento, sport, camminate a piedi, nuotate, andate in bicicletta.
  • Focalizzate l’attenzione su fonti di piacere diverse dall’alimentazione: in vacanza è più facile dedicarsi ad attività piacevoli e alle proprie passioni. Questo aiuta  a rompere quei  meccanismi automatici di autogratificazione attraverso il cibo, imparando a ricercare il piacere in ambiti più funzionali e salutari.
  • Cercate di assaggiare solo piatti speciali, inusuali, come per esempio piatti tipici del luogo. Evitate o limitate i cibi soliti, quelli che avete a disposizione tutti i giorni, come pane, patate, pasta ecc.
  • Evitate i cibi inutili, gli spuntini, gli intermezzi, il pane.
  • Concentrate la vostra attenzione sul pasto principale della giornata, limitando nel complesso l’alimentazione della giornata

DURANTE IL PASTO

  • Cucinate l’esatta quantità di cibo necessaria e non di più.
  • Evitate di mettere a tavola i piatti da portata: ad ognuno il proprio piatto.
  • Evitate di mettere a tavola il cestino del pane: ad ognuno la propria porzione di pane
  • Usate piatti e contenitori piccoli.
  • Gettate via gli avanzi subito dopo il pasto

DOPO IL PASTO

  • Dopo il pasto gettate via gli avanzi oppure congelateli oppure dateli via

ALLA FINE DEL PASTO

  1. Allontanatevi dalla tavola prima possibile.
  2. Procedete a sparecchiare velocemente e spostate la conversazione altrove
  3. Mettete nel piatto un oggetto che funga da segnale di stop, che imbratti il piatto ed impedisca di continuare a mangiare (le bucce della frutta, un tavagliolo sporco ecc)
  4. Mettete a punto un rituale di fine pasto come per esempio prendere un caffè, fumare una sigaretta, masticare una gomma, lavare i denti ecc.
    Provare per credere!
FacebookEmailCondividi