PREVENZIONE E CURA

Disagi e disturbi alimentari, fame emotiva o psicologica, consigli per la prevenzione e la cura di malattie correlate all’eccesso di peso corporeo, informazioni affidalibi e suggeritmenti utili a una vita sana e felice.

La dieta FODMAP è efficace

La FODMAP: benessere per l’intestino

La dieta FODMAP è efficace per trattare i sintomi della Sindrome dell’Intestino Irritabile o IBS. Si tratta di un protocollo nutrizionale abbastanza rigido, che, in una prima fase, prevede l’esclusione degli alimenti che sembrano generare i sintomi della IBS. Nella seconda fase, si procede alla reintroduzione progressiva di questi alimenti, procedura che consente di stabilire quali di essi siano maggiormente implicati nella IBS. Consente, inoltre, di stabilire le dosi di tolleranza, cioè la quantità di alimento che viene ben tollerata dall’organismo, senza provocare i fastidiosi sintomi. Chiaramente, in maniera personalizzata, caso per caso.

Il protocollo FODMAP

Lo svantaggio è che il protocollo deve essere rigorosamente guidato e monitorato da un Nutrizionista esperto, con la collaborazione attiva e consapevole del cliente.
Il vantaggio del protocollo è che, nella maggior parte dei casi, da ottimi risultati. Un netto miglioramento dei sintomi e una buona gestione del disturbo. Tutto questo migliora la qualità di vita dei pazienti.

La IBS o Sindrome dell’Intestino Irritabile

Si tratta di una patologia funzionale dell’intestino molto diffusa, soprattutto nel genere femminile. E’ una sindrome di origine ancora sconosciuta. I sintomi comportano prevalentemente una distensione del lume intestinale, gonfiore, meteorismo, dolore addominale, alvo irregolare con stipsi e/o diarrea. Il disturbo, benchè relativamente benigno, presenta, talvolta, una sintomatologia persistente e invalidante. In molti casi il benessere psico-fisico, la qualità di vita e le relazioni, ne risentono.

Le cause della IBS sono ancora sconosciute 

Sembra essere coinvolta un’infiammazione persistente della mucosa del colon, un’alterazione della popolazione probiotica (flora batterica), un deficit di alcuni enzimi digestivi specifici (per esempio la lattasi). Questi aspetti riducono la digeribilità di certi alimenti, che si accumulano nel colon e subiscono un’eccessiva  fermentazione (con produzione di gas). Si nota un’alterata motilità dell’intestino (stipsi e/o diarrea) e una spiccata sensibilità a stimoli di natura chimica e fisica (alimenti, nutrienti, ormoni, neurotrasmettitori, caldo, freddo, compressione). Si osserva, spesso, un peggioramento dei sintomi in situazioni di malessere psicologico, stress, ansia (somatizzazione). Benchè tutti i nutrienti possano potenzialmente essere collegati alla IBS, sembra che alcuni di essi siano maggiormente implicati nella genesi e nel mantenimento dei fastidiosi sintomi. Inoltre, il malessere fisico che ne deriva, mantiene una situazione di disagio psicologico, che peggiora la patologia. Si genera, quindi, un circolo vizioso.     

La dieta FODMAP per innescare un circolo virtuoso

La dieta FODMAP, attraverso un miglioramento sostanziale dei sintomi fisici, determina un miglioramento dello stato d’animo e dell’umore. Una migliore predisposizione personale favoriscono una progressione verso un maggior benessere. Si passa, quindi, dalla rottura di un circolo vizioso all’innesco di un circolo virtuoso. I pazienti, inoltre, imparano a conoscersi meglio, a conoscere e riconoscere gli alimenti utili e quelli dannosi, a diventare più consapevoli del funzionamento del disturbo e quindi a gestirlo meglio.
Affinchè la Sindrome dell’Intestino Irritabile non sia più il focus della vita.

FacebookEmailCondividi